Qualità Biologica 100% garantita

Lo sapevi che i prodotti biologici sono il frutto di un sistema di gestione della produzione agroalimentare che ha inizio dalla terra e si conclude sulle nostre tavole? Ecco perchè nel nostro marchio il leitmotiv è proprio "dalla terra alla tavola".

Tra gli obiettivi di questo metodo di produzione vi sono:

  1. la tutela dell’ambiente
  2. la salvaguardia della biodiversità e delle risorse naturali e il rispetto di criteri che assicurino il benessere degli animali.

Le pratiche agricole biologiche tendono a ridurre al minimo l’impatto umano sull’ambiente. È quindi vietato l'impiego di antiparassitari, concimi chimici di sintesi, organismi geneticamente modificati (OGM) e loro derivati e l’utilizzo di radiazioni ionizzanti.

Per rispettare pienamente l’ambiente, sono favoriti:

  • l’uso responsabile dell'energia e delle risorse naturali
  • la difesa degli equilibri ecologici del territorio
  • il miglioramento della fertilità del suolo e il mantenimento della qualità delle acque.

Nell’ambito dell’agricoltura biologica si effettua la rotazione delle colture per un impiego efficiente delle risorse locali e si privilegia la scelta di varietà vegetali più resistenti alle malattie e che si adattano meglio alle condizioni climatiche e del suolo del luogo di coltivazione.

L’allevamento biologico promuove la salute e il benessere degli animali, che sono alimentati con prodotti provenienti da agricoltura biologica e curati senza l’utilizzo di antibiotici. Si predilige l’allevamento all’aria aperta, nel rispetto delle esigenze di ogni singola specie.

L'agricoltura e l’allevamento biologici fanno parte di una filiera che comprende la produzione, la trasformazione degli alimenti, la distribuzione e la vendita al consumatore finale. Anche per quanto riguarda la trasformazione dei prodotti biologici ci sono principi importanti da rispettare, tra cui il divieto di utilizzo di coloranti, esaltatori del gusto e di tutti gli additivi artificiali.

Chi sceglie di acquistare prodotti biologici, decide di alimentarsi nel rispetto della natura e dell’ambiente, avendo la sicurezza di mangiare cibi con livelli di residui di pesticidi quattro volte più bassi rispetto a quelli prodotti secondo metodi convenzionali.

LA NORMATIVA EUROPEA

La prima normativa in materia di agricoltura biologica risale al 1991, con l’entrata in vigore del Reg. CE 2092/91, che regolava l’operato di tante aziende che già dal secondo Dopoguerra lavoravano la terra promuovendo il rispetto dell’ambiente e della natura. Negli anni successivi, il Regolamento è stato più volte rivisto e integrato, arrivando a includere anche le produzioni zootecniche.

Attualmente, il metodo di produzione biologico è definito e disciplinato a livello comunitario dal Regolamento CE 834/07 e dal Regolamento di applicazione CE 889/08, che disciplinano i criteri di produzione agricoli, le produzioni animali, i metodi di trasformazione, l’etichettatura dei prodotti biologici, il sistema di controllo e l’importazione da paesi terzi.

IL LOGO E L’ETICHETTATURA

Il logo biologico dell’Unione Europea, obbligatorio dopo l’entrata in vigore del Regolamento UE 271/2010, è costituito da una foglia stilizzata, fatta di stelle su sfondo verde.

Utilizzato all’interno del sistema di etichettatura, è uno strumento immediato che comunica in maniera chiara e inequivocabile ai consumatori che il prodotto che stanno scegliendo è stato ottenuto rispettando tutte le norme stabilite dalla Regolamentazione europea sull’agricoltura biologica.

IL SISTEMA DI CONTROLLO E CERTIFICAZIONE

La legislazione in vigore ha istituito un sistema di controllo e certificazione delle diverse fasi della filiera per garantire che tutti gli operatori siano conformi alla normativa specifica. Ogni anello della catena produttiva è controllato obbligatoriamente una volta all’anno tramite visite ispettive.

Agricoltori, allevatori, trasformatori, importatori e distributori sono soggetti a verifiche del loro operato da parte di Organismi di Controllo accreditati Accredia, l'Ente unico nazionale di accreditamento, riconosciuto dallo Stato Italiano dal dicembre 2009.

LA QUALITÁ

La qualità è importante sia per i produttori sia per i consumatori. Nel Regolamento CE n. 834/2007 è stato decretato che uno degli obiettivi della produzione biologica è fornire prodotti di alta qualità.

Nel settore biologico, la qualità è garantita dalla presenza del logo biologico dell'Unione Europea sull’etichetta, che assicura controlli e verifiche periodici.